La linea è oggetto di interventi per circa 6,4 miliardi di Euro, che sono destinati ad aumentarne la velocità e la capacità.

 

 

 

La metodologia usata è ovviamente identica a quella usata per la linea AV Brescia-Padova, anche in questo caso in modo prudentissimo. Qui la disponibilità di dati è risultata ancora più scarsa e contraddittoria, cosa grave in sé trattandosi di denari pubblici destinati ad una regione (la Sicilia) con molti problemi sociali.

Il traffico prevedibile tuttavia è così modesto (si noti anche che la popolazione siciliana è in calo) che i risultati sono molto negativi. In presenza di traffici modesti la soluzione ferroviaria non ha senso tecnico, prima che economico o ambientale, e questa analisi non fa che confermarlo.

Per le ragioni del Mezzogiorno conviene puntare su altre modalità di trasporto, con specifica attenzione alle esigenze produttive di quelle aree.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.